On the work of buyer . If you need olive oil, wine or food from Spain write to winesinform@gmail.com

See some products and prices (Excel file) at www.winesinform.com/OfertaPublicaBodegasWeb.xls

Importer Sheet and Winery Sheet: Advises

Sobre el trabajo de comprador . Si necesita aceite de oliva, vino o alimentos de España escriba a winesinform@gmail.com

Vea algunos productos y precios (Hoja Excel) en www.winesinform.com/OfertaPublicaBodegasWeb.xls

Ficha de importador y Ficha de bodega: Consejos


lunes, 22 de agosto de 2016

Cina: nel 2016 l’import di vino vola. Bene l’Italia

Cina: nel 2016 l’import di vino vola. Bene l’Italia



Corre veloce l’import di vino in Cina nel 2016: il primo semestre fa segnare un robusto +27,8% in valore sullo stesso periodo del 2015, a quota 1,18 miliardi di dollari, e un altrettanto significativo +21,91% in volume, a 299,7 milioni di litri, per un prezzo medio di 3,96 dollari al litro, in crescita del 4,86%.

Merito soprattutto dei vini imbottigliati, a +29,4% in valore (1,1 miliardi di dollari) e +24,1% in volume (222,7 milioni di litri), con un prezzo medio al litro di 4,98 dollari (+4,31%). A dirlo i dati della dogana cinese riportanti da “Decanter China”.

E buone notizie arrivano anche per l’Italia: +12,2% in volume, a 12,7 milioni di litri, ma soprattutto un deciso +39% in valore, a 56,9 milioni di dollari, con un prezzo medio cresciuto del 23,9%, a 4,46 dollari.

Ma i competitor volano: continua a dominare la Francia, che da sola vale poco meno della metà del valore, con 503,1 milioni di dollari (+36,3%), poco più di un terzo del volume, con 84,9 milioni di litri (+15,9%), ed un prezzo medio di 5,92 dollari, in crescita del 17,6%.

A seguire c’è l’Australia, che fa +32,5% a valore (278,4 milioni di dollari) e +40,9%

in volume (35,3 milioni di litri), con un prezzo medio di 7,88 dollari al litro, in ribasso però del 5,9%.


Stessa dinamica registrata anche dal Cile, con una crescita del 23,1%, a quota 95,4 milioni di dollari, accompagnata da quella in volume del 32%, a 28,5 milioni di litri, con un prezzo medio che si attesta a 3,34 dollari al litro, in calo del 6,7%.

E lo stesso fa la Spagna, il Paese che è cresciuto di più sia in valore, a +41,5% per 74,6 milioni di dollari, che in volume, a +45,2% per 36,4 milioni di litri, ma che nella “top

10” è quella con il prezzo medio al litro più basso: 2,05 dollari, in calo del 2,6%.

Male, invece, gli Stati Uniti: a fronte di volumi stabili, sui 5 milioni di litri (-0,29%), in valore la perdita è del -9,78%, a 24,7 milioni di dollari, con un prezzo medio giù del 9,52%, a 4,78 dollari al litro.


Ma tra i primi 10 esportatori di vino in Cina, la performance peggiore è decisamente quella del Sudafrica: -44,2% in valore, a 11,7 milioni di dollari, e -21,9% in volume, a 3,7 milioni di litri, con un rezzo medio al litro di 3,16 dollari, a -28,5%. Bene, infine, Argentina, Nuova Zelanda e Portogallo.

Fonte della informazioni: WineNews.it


No hay comentarios:

Publicar un comentario