On the work of buyer . If you need olive oil, wine or food from Spain write to winesinform@gmail.com

See some products and prices (Excel file) at www.winesinform.com/OfertaPublicaBodegasWeb.xls

Importer Sheet and Winery Sheet: Advises

Sobre el trabajo de comprador . Si necesita aceite de oliva, vino o alimentos de España escriba a winesinform@gmail.com

Vea algunos productos y precios (Hoja Excel) en www.winesinform.com/OfertaPublicaBodegasWeb.xls

Ficha de importador y Ficha de bodega: Consejos


miércoles, 2 de noviembre de 2016

Cina record con l’imbottigliato. “Come un treno”



Cina record con l’imbottigliato. “Come un treno”




Il trend positivo delle importazioni enoiche della Cina, che chiude i primi 9 mesi dell’anno in crescita,sia in termini di volumi che di valori, continua: secondo i dati della China ssociation for Imports &Export of Wines & Spirits il gigante asiatico ha importato 1,77 miliardi di euro di vino nel periodo, con una crescita anno su anno del 19,1%, per un totale di 464 milioni di litri, +14,42%.


Il dato più importante è il peso dell’imbottigliato, che vale 1,66 miliardi di dollari (+20,64% sullo stesso periodo 2015), il 93,4% di tutto il vino importato dalla Cina, per un totale di 354 milioni di litri (+19,06% sui primi 9 mesi 2015).

Fa peggio lo sfuso, a quota 99,8 milioni di litri (+1,91%), per un valore di 75 milioni di dollari (+9,76%).

In decisa controtendenza gli sparkling, fondamentali in tanti Paesi, ma non in Cina, dove fanno segnare un leggero calo dei volumi (-1,23%, a 9,9 milioni di litri) ed uno più sostenuto de i valori (-12,23%, a 41,8 milioni di dollari). Francia e Australia rappresentano, in valore, il 70% dell’imbottigliato importato dal Dragone, seguite da Cile, Spagna e Italia. In termini di prezzo medio, la performance migliore è quella della Nuova Zelanda, capace di farsi pagare 9,66 dollari per ogni litro di vino spedito, seguita dall’Australia, a 7,14 dollari al litro, mentre il dato peggiore è quello della Spagna,con 2 euro al litro.

A corroborare il buon momento del vino d’Oltralpe è il dato del Civb - Conseil Interprofessionnel du Vin de Bordeaux, che parla di una crescita, anno su anno, del 22%, arrivando nel periodo, a 502.000 ettolitri importati dalle aziende della Gironda, per un valore di 300 milioni di euro.

Numeri che fanno della Cina la meta preferita dai vini di Bordeaux. Un fiume di vino, che ogni giorno parte dalla Francia e, via mare, arriva in Cina: un viaggio, quello fino a Shanghai, che dura mediamente 35 giorni, ma presto ce ne vorranno molti meno, 16, e non perché le navi commerciali andranno più veloci, ma perché il Governo di Pechino ha deciso di puntare forte sulla “Nuova Via della Seta”, potenziando i collegamenti ferroviari tra le città dell’entroterra cinese e le grandi città d’Europa.

Le prime 14.000 bottiglie partiranno da Lione in direzione Wuhan in settimana ...

Fonte informazioni: WineNews

No hay comentarios:

Publicar un comentario