On the work of buyer . If you need olive oil, wine or food from Spain write to winesinform@gmail.com

See some products and prices (Excel file) at www.winesinform.com/OfertaPublicaBodegasWeb.xls

Importer Sheet and Winery Sheet: Advises

Sobre el trabajo de comprador . Si necesita aceite de oliva, vino o alimentos de España escriba a winesinform@gmail.com

Vea algunos productos y precios (Hoja Excel) en www.winesinform.com/OfertaPublicaBodegasWeb.xls

Ficha de importador y Ficha de bodega: Consejos


jueves, 16 de marzo de 2017

La Cina e la soglia del 40% ... Comentario de / Comment of Wines Inform Assessors



La Cina e la soglia del 40%

L’import enoico? E’ anche una questione politica. Almeno in Cina, dove il segretario della China Association for Liquor & Spirits Circulation Zhao Yu prevede - e forse ammonisce - che la quota di mercato delle importazioni non supererà il 40%


Zhao Yu, deputy secretary of China Association for Liquor & Spirits Circulation,


La produzione di vino nazionale della Cina non cederà ulteriore terreno alle importazioni enoiche: è il messaggio che Zhao Yu, vicesegretario dell’associazione di categoria China Association for Liquor & Spirits Circulation, ha rilasciato alla stampa di settore del Paese (https://goo.gl/8exW4h), e che predice, fra le altre cose, che la quota di mercato delle etichette straniere non supererà il 40%, dal 30% attuale.

Una semplice previsione, ma anche una sorta di monito: oltre questa soglia, in qualche modo, non si andrà. Anche perchè c’è una produzione interna da tutelare e che, spiega Yu “si è stabilizzata intorno al 70% del mercato interno, una performance soddisfacente” ...


Nonostante i quattro anni di calo consecutivi, la produzione di vino nazionale della Cina non cederà ulteriore terreno alle importazioni enoiche: è un messaggio multiforme quello che Zhao Yu, vicesegretario dell’associazione di categoria China Association for Liquor & Spirits Circulation, ha rilasciato recentemente alla stampa di settore del paese, e che predice, fra le altre cose, che la quota di mercato delle etichette straniere non supererà il 40%, dal 30% attuale.

 Il contenuto delle dichiarazioni pubbliche di Zhao Yu si presta a più di un’interpretazione, specialmente se analizzato in un contesto nel quale le importazioni continuano a salire a doppia cifra anno su anno (+15% nel 2016, a 638 milioni di litri), e con l’imbottigliato a +21,8%, a 481 milioni). Non a caso, Yu ha subito sottolineato che la quota di mercato della produzione domestica “si è stabilizzata intorno al 70%, una performance soddisfacente”, e non ha mancato di rimarcare anche l’aumento della qualità media e le buone prestazioni sul mercato delle etichette non di punta, ma ha dovuto comunque ammettere che, anche in luce del vistoso rallentamento dell’economia domestica, “è ovviamente troppo ottimistico aspettarsi una forte crescita per il mercato enoico cinese nel prossimo futuro”.


Ovviamente, in primis per i produttori indigeni, il cui output totale si è flesso di un ulteriore 1% lo scorso anno, a 113,7 milioni di litri, mentre nel contempo il numero di operatori nel settore dell’importazione di vino è decuplicato negli ultimi tre anni, sebbene i margini, come succede abitualmente, si stiano assottigliando, specialmente per etichette che non è azzardato definire come commodities in tutto e per tutto. Inoltre, lo scoglio della percezione del vino estero da parte della classe media cinese, ancora ben lontana dal cosmopolitismo quotidiano, secondo Yu si traduce in una sorta di “paracadute culturale” per l’industria nazionale, che, ha aggiunto, sta sostanzialmente trovando il proprio passo e la propria strada - ma un’industria alla quale, però, mancano ancora “le ossa”, per così dire, ovvero associazioni di categoria, un sistema di promozione unificato, la creazione di standard produttivi e culturali e così via.

 Messaggi confortanti e ammonenti al tempo spesso, insomma: le frasi di Yu possono sembrare un incoraggiamento paternalista nei confronti dell’industria domestica del vino, ma vanno comunque viste in un contesto nel quale, per certi versi, la millenaria “sindrome d’assedio” del fu Regno di Mezzo si estrinseca ancora oggi in una sorta di autarchia di riflesso. Anche nei confronti delle etichette estere, la cui quota di mercato, almeno per l’imbottigliato, ha raggiunto il 29,58%, in aumento di quasi 3,6 punti percentuali rispetto al 2015.


Comentario de / Comment of Wines Inform Assessors:


Las tendencias proteccionistas de las industrias nacionales están cada vez más presentes en la actual coyuntura política, como se muestra en este artículo sobre China.
Muchas bodegas, que con mayor o menor éxito, han centrado sus esfuerzos en la exportación están volviendo la vista a potenciar el mercado nacional , donde hay mucho trabajo de marketing a hacer y la prueba está en que la mayoría de bodegas aún no han creado mapas de puntos de venta. A favor de las bodegas en su propio territorio debe jugar siempre el conocer y apreciar las especificidades de los vinos del país
Vista la capacidad productiva de vino en España está claro que se debe exportar pero debe hacerse a precios rentables y evitar las distorsiones del mercado creadas por las ayudas económicas estatales



Wines Inform Assessors, Barcelona
..............


The protectionist tendencies of national industries are increasingly present in the current political conjuncture, as shown in this article on China.
Many wineries, with more or less success, that have focused their efforts on exporting are looking to boost the national market, where there is a lot of marketing work to do and the proof is that most wineries have not yet created maps of points of sale. In favor of the wineries in their own territory must always play the know and appreciate the specificities of the country's wines by consumers
Given the production capacity of wine in Spain it is clear that it must be exported but it must be done at profitable prices and avoid the distortions of the market created by the state economic aid

Wines Inform Assessors, Barcelona





Fonte informazioni: WineNews

No hay comentarios:

Publicar un comentario